Archive for the 'Radio' Category

05
Mar
09

Three Second Kiss: intervista a cura di vinzbeirut

int1

Three Second Kiss : intervista a cura di vinzbeirut

I Three Second Kiss si sono affacciati al panorama musicale nel ’93 partendo da Bologna, e sono: Lorenzo Fortini/batteria, Massimo Mosca/basso e voce, Sergio Carlini/chitarra.

L’uscita del primo album “For Pain Relief” avviene nel ’95, la risposta del pubblico è immediata, attratto dall’originalità della loro formula sonora capace di miscelare vari generi musicali, tra questi, rock blues punk noise, il tutto interpretato in modo personalissimo.

Strada che continuano a percorrere senza lasciarsi abbagliare dalle mode da più di 15 anni.

Dal ’93 al 2006 hanno pubblicato quattro album: “For Pain Relief”, “Everyday Everyman”, “Focal Point”, “Music out of Music”, e di diritto sono tra i maggiori protagonisti della scena indipendente.

I loro live sono caratterizzati da potenza, precisione, un magma di suoni che ipnotizza, hanno anche condiviso palchi e esperienze con June of 44, Uzeda, Shellac, Shipping News,(per citarne alcuni), sia in Italia che all’estero.

Nel 2007 Lorenzo Fortini batterista della band lascia il posto a Sacha Tilotta (già attivo con Theramin e Hoovers), e la band dopo un anno pubblica il suo quinto album “Long Distance”, registrato con Steve Albini e prodotto dalla neonata African Tape.

1. Il vostro cavallo è partito nel ’93 in una Bologna grunge galoppando tra i canali fino a morire nuotando, e galleggiare in un mare di suoni. Cosa è finito? Cosa è rinato?

Nulla è finito per quanto ci riguarda, semplicemente tutto si è trasformato con gli anni, com’è inevitabile nella storia di una band longeva come i TSK. Ed è difficile per me – direttamente coinvolto – individuarne i processi di trasformazione che non sempre sono legati ad una volontà ben precisa o ad uno stile musicale, ma ad un naturale desiderio di fare e condividere musica dentro e fuori la band. Sicuramente, quando hai accumulato un po’ di strada alle tue spalle, possiedi la maturità per voltarti e capire cosa non ripetere, cosa hai già fatto e visto. Allo stesso tempo diventa sempre più difficile battere strade sempre nuove e stimolanti.

2. 2007: anno molto importante, ora è Sacha Tilotta che perquote le pelli di una Slingerland anni ’60, ed i vostri strumenti a corde sono passati dal calore del legno alla freddezza tagliente del metallo. Hanno portato una grossa fonte di ispirazione o c’è altro?

Alla fine lo strumento è solo il punto terminale di quello che desideri comunicare. Tutto parte dalla tua testa e dal tuo istinto. Nella voglia di cambiare le coordinate e le consuetudini di una band c’è anche il desiderio di sperimentare. E per noi TSK, sperimentatori in chiave minimale, parte di questa volontà è convogliata nella voglia di schiarire e scarnificare ulteriormente il nostro suono, nel cercare di raggiungere un’essenzialità che ci mancava. Un suono che noi non troviamo affatto freddo, ma più che altro molto cristallino e speculare, in termini di riflessione esatta, senza mediazioni sonore, di quello intendi comunicare. C’è ancora molto lavoro da fare in questo senso da parte nostra.

3. “Long Distance” ultimo vostro lavoro edito nel 2008, è stato promosso in Italia e in Europa, e presto partirete per una tournee americana. Avete notato differenze tra le due realtà? Se si, quali?

Qualche anno fa – diciamo quasi 10 anni fa, ai tempi del nostro primo tour americano – le differenze tra Europa e Stati Uniti erano decisamente più marcate. Una volta sbarcato là e messo piede su un palco americano ti sembrava realmente di star sperimentando in prima persona l’autenticità del linguaggio rock, nella terra dove veniva fruito in modo spontaneo, dove questa attitudine è nata. Poi qualcosa è cambiato, forse è anche cambiato nella mia testa più disincantata, non saprei … Internet, lo scambio culturale più aperto e meno mediato tra la cultura europea e americana hanno veicolato il rock verso un percorso unico. In pratica non ci sono più tante differenze nell’approccio live, nel pubblico, nell’atmosfera di uno show fatto a Parigi o a Detroit. Il rock è un linguaggio oramai universalmente assimilato. Un approdo che probabilmente tutti desideravamo, ma che ha un risvolto negativo: l’omologazione. Tutto tende ad appiattirsi su un unico cliché. Non ti sei stancato di vedere tutte quelle belle ragazze con i capelli lunghi e la frangetta? Poi arriva una completamente diversa e dici …

4. C’è un bel lavoro grafico-promozionale riguardante “Long Distance”, c’è un concetto dietro?

Il cavallo che ansima sulla cover di Long Distance è un disegno, anzi, un graffito, di massimo, il bassista della band. Ci sembrava un’immagine che si accoppiava emotivamente bene con il titolo del disco. Non c’è un solo concetto ma probabilmente una serie di suggestioni, non tutte consapevoli. Sicuramente è una bella metafora della nostra storia, del ritorno discografico dopo molti anni di silenzio, della caparbietà e perseveranza di una band che fa un discorso al di fuori delle mode e dei trend da almeno 13 anni. Quel cavallo deve aver fatto molta strada prima di fermarsi sulla cover del nostro cd, è magro ed emaciato, ha la mandibola contratta da uno spasmo legato alla strada percorsa … deve avere un’utopia in testa che nessuno comprende.

5. Ascoltando il disco mi soffermo su “You Are The Music” e penso, se “io” ascoltatore sono la musica, voi cosa rappresentate?

Di solito un musicista sale su un palco e le luci si accendono su di lui, mentre oscurano chi sta lì ad ascoltarlo. Anche se il primo rock’n roll o il punk hanno negato questa distanza tra chi fa musica e chi l’ascolta, anche se molte band oggi suonano direttamente a terra, in mezzo alla gente, proprio per rimarcare questo concetto, questa canzone – You are the Music – è un po’ la nostra volontà democratica di annullare ancora questa distanza. Noi rappresentiamo esattamente quello che rappresenti tu: Il desiderio di vivere con la musica, di sentirsi reattivi, di essere stimolati a delle reazioni attraverso la musica. La musica appaga sicuramente una sfera individuale ma è anche e soprattutto un’esperienza comunitaria, da condividere, altrimenti risulta un’esperienza vuota e manierista.

6. I Three Second Kiss rappresentano con altri pochi gruppi la scena rock indipendente italiana all’estero, se di scena si può parlare. vi chiedo: avete consigli/suggerimenti per chi tenta di percorrere questa strada?

Non siamo dispensatori di consigli. Di esperienze ne abbiamo fatte, è vero, ed in tempi ancor vergini per l’esportazione delle band italiane, ma abbiamo anche commesso errori come è naturale che sia. Forse l’unico consiglio che darei ad una band i cui componenti ancora si radono una volta ogni due settimane è: guarda meno televisione, stai un po’ meno di fronte al computer, trova il tuo linguaggio.

7. Quest’ultimo disco “Long Distance” è edito in vinile+cd per il mercato americano, anche in Italia però c’è una “rinascita” del disco in vinile e delle registrazioni in analogico. Quattro parole a riguardo.

Alla fine credo che per un certo tipo di sound l’analogico non sia mai morto. Ora se ne parla semmai di più a livello mainstream, perché alcuni grandi nomi stanno tornando a quel formato. Le etichette indipendenti, quelle più consapevoli, hanno sempre stampato le loro esigue copie in vinile, che un tempo vendevano ad un pubblico di carbonari, e che ora stanno ritrovando un’audience E’ un bene, mi fa piacere, perché da sempre sosteniamo che è quello il formato per la migliore resa sonora delle chitarre. Non credo sostituirà mai per numero di vendite il formato digitale, ma sicuramente conquisterà una fetta crescente di mercato. La gente vuole riappropriarsi di una dimensione materica del suono, anche se la maggioranza fa fatica a rinunciare alla comodità di un mp3. Il supporto cd, quello si che tra poco scomparirà del tutto. E non la vedo male questa cosa …

8. Cosa vuol dire suonare oggi rispetto al passato?

Per TSK “suonare oggi” significa rispondere ancora ad un bisogno molto forte. Una necessità naturale nel suo richiamo fisico, e culturale nel nutrimento e nel riempimento che dà alla nostra esistenza. Significa anche portare sul palco il bagaglio di una lunga esperienza musicale. Che in parole povere si traduce in un linguaggio empatico che non cavalca le mode o i cliché e che per questo oggi ha bisogno di una maggiore forza per arrivare all’epidermide. Non sempre è facile trasmettere questo alle nuove generazioni, che hanno delle antenne con una sensibilità diversa. Quando ci riusciamo è una bella sensazione, significa che siamo riusciti ad arrivare all’osso, a far vibrare la pancia solleticando l’intelletto.

9. C’è un tipo di musica o un disco che è stato essenziale per la nascita e crescita dei Three Second Kiss?

Direi di no. Ci sono tanti momenti e tanta musica introiettata. Da sempre i TSK sono tre persone molto, profondamente, diverse tra di loro e piuttosto onnivore in fatto di musica.

La band è l’incontro di queste individualità eterogenee. È la nostra forza averle sapute mettere insieme, ma anche la nostra debolezza (commerciale).

10. Girando e suonando live sicuramente vi è capitato di incontrare e conoscere parecchi gruppi. Consigliateci alcune band che vi hanno colpito maggiormente.

Ci sono alcune band del sud che stanno battendo su un solco interessante. Lo strato di superficie appartiene al punk ma ognuno sta sviluppando un linguaggio autonomo. Su tutti amiamo i Tapso II, poi ci piacciono gli Entrofobesse, i Beirut, con cui abbiamo suonato di recente, a me piacciono molto anche i Suzanne’Silver o i Diane and the Shell dalla Sicilia. In Piemonte poi c’è una band molto interessante che si chiama Io Monade Stanca. Sicuramente me ne sto dimenticando qualcun’altra …

11. Avete altri progetti per il futuro, oltre alla tournee negli States?

Comporre nuova musica per un nuovo disco. Può sembrare banale, ma per la nostra endemica lentezza è un notevole e monumentale progetto futuro.

12. Cosa tirereste fuori da un ipotetico cassetto pieno di sogni?

Un foglio ed una matita. E da lì si ricomincia.

Grazie a Sergio Carlini

Annunci
26
Nov
08

Yugoslav Punk ’77-’82

Considerando gli scarsi ascolti di Balkan Rock (ogni domenica dalle 21 alle 24) su Radio Dissident, e il fatto che i contenuti multimediali su internet vengono fruiti principalmente “on demand”, ho deciso di fare delle playlist tematiche che uno può sentirsi quando vuole al di là dello stream domenicale, per conoscere o approffondire rock ex-jugoslavo…

Essendo particolarmente affezionato al genere, propongo per prima i13 gruppi punk jugoslavi in ordine sparso, alcuni leggendari come Pankrti, Sarlo Akrobata o Zabranjeno Pusenje, altri caduti nell’oblio come Mrtvi Kanal e Gola Jaja; tutti a modo loro pionieri del punk tardo real-socialista.

Ecco la PLAYLIST

14
Set
08

ExKarcere resiste…

SistaHydra

ExKarcere sotto sgombero..
Appello alla mobilitazione

Continua a leggere ‘ExKarcere resiste…’

13
Set
08

Balkan Electro 2.0

Balkan Rock prosegue con elettronica, industrial, ebm, dark wave ex/post jugoslava. Questa domenica potrete sentire:

Borghesia – mitica band electro/industrial slovena degli anni ottanta.

Margita je Mrtva – duo dark/elettronico di Nis.

Miladojka Youneed – tra new-wave e jazz-core,  sempre dalla Slovenia.

Oscilator – freelabel di Sarajevo, pubblica con licenze CC roba minimal-tecno, retrò-futurismo, elettronica grezza.

…e altro ancora.

Come ascoltarci?

06
Set
08

Bosnian Electro

Balkan RockTorna Balkan Rock, come di consueto ogni domenica sera dalle ore 21 su Radio Dissident. Per il momento si fa da parte rock classico, punk e new wave. Si va alla scoperta della scena elettronica, electro e industrial. La playlist di domani sarà dedicata ai gruppi e dj della free net-label Oscilator.net: sonorità retrò, electro-clash, minimal tecno etc. Un’etichetta nata nel 2003 a Sarajevo. Pubblica esclusivamente con licenze CC. Per ascoltare copiate questo URL nel vostro lettore. Oppure consultate la pagina Come ascoltarci?Buon ascolto.
17
Ago
08

Radio Dissident Newsletter #35

Radio Dissident Newsletter #35 – 17 agosto 2008
Dissidenze sonore, frattaglie rock ed altre perversioni
radiodissident.wordpress.com
www.myspace.com/radiodissident
www.jamendo.com/it/user/radiodissident
www.musicwebtown.com/radiodissident


EDITORIALE

Ma stai zitto, non me ne frega un cazzo

–Amy Winehouse, rivolta a Bono Vox

Simba

Confortati da una beneaugurante eclisse di luna, possiamo rompere gli indugi ed annunciare al mondo in ascolto che, dalla “costola” siciliana di Radio Dissident e sotto il segno zodiacale della Vergine, nascerà presto SIMBA (Sikula Independent Management & Booking Agency), una piccola ed agile struttura di management e booking che opererà prevalentemente nella Sicilia Orientale e sarà completamente dedicata alla promozione di musica indipendente, teatro, danza ed artisti di strada. Il profilo myspace è già pronto, quindi… ADDATECI!!!
www.myspace.com/simbasikula

Ska-ena e GiUfA’ (ex AfroBeAt) sempre in movimento. I primi saranno domani 18 agosto alla Sagra del Cinghiale del Belvedere di Avola Antica, SR, ed il 25 al Mokambo on the Beach di Ognina, SR, dove registreranno il live. I secondi suoneranno a Noto, SR, lunedì 25 agosto.
www.myspace.com/skaena
www.myspace.com/afrobeatsr

Anzikitanza in concerto stasera alla festa della birra di Brolo, CT, il 29 agosto a Riposto, CT, ed il 30 ad Alcamo Marina, TP.
www.myspace.com/anzikitanza

Prosegue il tour ethyl-folk 2008 degli ‘Nkantu d’Aziz. Li trovate il 21 al Twin Pub di Letojanni, ME, il 22 alla Notte Bianca di Cinisi, PA, il 26 al Centro Culturale Giovanile di Avola, SR, mentre il 30 tornano a Letojanni, ME, per suonare al Piadina 114.
www.myspace.com/nkantudaziz

Martedì 19 agosto, i bresciani Aucan e gli Entrofobesse di Niscemi, CL, si ritroveranno sul palco de La Factory, Contrada S.Teresa Longarini, Siracusa-Cassibile.
www.myspace.com/aucan
www.myspace.com/entrofobesse
www.myspace.com/lafactorysiracusa

Domenica 24 agosto, in Piazza Italia, Taurianova, RC, terza edizione di Musica Sottolio con i reggini Koopas, i catanesi Tapso II e (di nuovo) gli Aucan.
www.myspace.com/koopasrc
www.myspace.com/tapso
www.myspace.com/aucan
www.myspace.com/musicasottolio

Date di fine agosto per gli Strange Flowers. Il 29 al Bluedhalia di Marina di Gioiosa Ionica, RC, ed il 30 al CSOA Cartella di Reggio Calabria. Tour in Germania in ottobre e negli States ad aprile 2009.
www.myspace.com/strangeflowers

Un salto a Helsinki (con questo caldo ci vorrebbe davvero..) dove il 19 agosto Steven Severin presenta la performance visual-musicale Music for Silents all’Espoo Film Festival di Tavastia.
www.stevenseverin.com
www.myspace.com/stevenseverinmusic

Un salto a Londra. Al The Half Moon di Brixton continua la rassegna Nocturne Folks, curata dalla Kaparte Promotions della nostra carissima Klarita Pandolfi. Venerdì 29 è la volta di Hung Jury e Dirty Viv più una serie di cortometraggi ed il live elettronico di Post Abortion Stress.
www.myspace.com/hungjurylondon
www.myspace.com/dirtyvivband
www.myspace.com/postabortionstress
www.myspace.com/klaritapandolfi
www.kaparte.info

Last but not least, colei che ci siamo assicurati come levatrice e testimonial di SIMBA, ovvero la bellissima ed indomabile SistaHydra, il 29 agosto dividerà con Brusco, Pasta Rasta e Sdaun System il palco del campeggio contro l’inceneritore di Bellolampo, PA.
www.myspace.com/hydraflyz
www.myspace.com/exkarcere

…restate in ascolto…


ULTIMI SET FOTOGRAFICI

GiUfA’ (ex AfroBeAt) @ Mare Vecchio – 12.08.08
mtms.wordpress.com/2008/08/12/giufa-mare-vecchio
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606703677338

Omaggio a Vera (selezione)
mtms.wordpress.com/2008/08/07/vera-novecento
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606750935177

Eclisse di luna – 16.08.08
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606779320505

Live Music best shots (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606010825702

Abstracts (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606364906565

Seppia & B&W works (viraggi)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606118829592

Morrison’s best shots (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606010832678

Soleamaro best shots (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606015700251

Ska-ena best shots (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606015705363

Salvo Barchi Memorial (selezione)
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606055769007


AGENDA

le band da seguire e i link utili
(in ordine rigorosamente alfabetico…)

radiodissident.wordpress.com/agenda

inviate foto, mp3, suggerimenti e segnalazioni a radiodissident@gmail.com


FRIENDS

Anzamà
Portale Sito Musicale
www.anzama.it

Balkan Rock
Ex-Yu Rock & Pop Culture
balkanrock.noblogs.org

Ilenia Volpe
Il blog di Foxy Lady
www.ileniavolpe.blogspot.com

Indymedia Italia
Independent Media Center
italy.indymedia.org

Kaparte
Alternative Arts & Music Promotions
www.kaparte.info

La Factory
Arte, teatro, musica e letteratura
www.myspace.com/lafactorysiracusa

Mad Noises
Collettivo espressivista
www.madnoises.com

mtms photoblog
musiche teatri movimenti strade
mtms.wordpress.com

Musica per Organi Caldi
Territori di musica indipendente
www.myspace.com/musicaxorganicaldi

Radiorock
Radiorock.to the original
www.radiorock.to

Salottino
Recordind Studio & Indie Label
www.myspace.com/salottinoprod

Simba
Management & Booking Agency
www.myspace.com/simbasikula

Soleamaro
Soleamaro Art Music
www.myspace.com/soleamaroartmusic

SubKultural & PopKultural
dushko.wordpress.com

per scambio banner, link ed altre forme di collaborazione, le realtà affini e le radio sorelle non si facciano scrupolo di contattarci all’indirizzo e-mail radiodissident@gmail.com


CHI SIAMO

La “Radio Dissident Newsletter” è una e-zine gratuita, indipendente e senza scopo di lucro. Viene inviata gratuitamente a chi ne fa richiesta. Per riceverla o farla ricevere da amiche ed amici basta inviare una e-mail con oggetto “ISCRIVIMI” a rdnews@radiodissident.org.

Questa newsletter non ha collegamenti di alcun genere con gruppi editoriali, industriali, partiti, lobby, gruppi di pressione o organizzazioni di qualsivoglia altra natura. Puoi riprenderla su web, mail, volantini, giornali ecc., purché non a fini di lucro. Puoi forwardarla alle tue amiche ed ai tuoi amici. Se hai un sito o un blog puoi pubblicarci questa newsletter e i successivi aggiornamenti (non è obbligatorio, ma se lo fai e ce lo segnali, te ne saremo estremamente grati).

Per segnalare eventi, date di concerti, altre notizie riguardanti i temi trattati in questa newsletter o inviare recensioni e comunicati stampa, non ti fare scrupolo di scrivere a radiodissident@gmail.com.

Per liberarti di questa newsletter invia una e-mail con oggetto “CANCELLAMI” a rdnews@radiodissident.org.

E, in ultimo ma non meno importante, per ascoltare Radio Dissident, emittente indipendente che trasmette 24 ore su 24 in streaming attraverso la rete internet, inserisci nel tuo player preferito (windows media player, winamp, xmms, itunes o altro) uno di questi indirizzi:

http://radio.dyne.org:8000/dissident.mp3
http://live2.radiovague.com:8000/dissident.mp3
http://live3.radiovague.com:8000/dissident.mp3
http://stream.indivia.net:8000/dissident.ogg


DISCLAIMER LEGALE

Ai sensi dell’art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. Il Suo indirizzo si trova nella mailing list di radiodissident.org. Le abbiamo inviato fino ad oggi le segnalazioni riguardanti la sua attività. Le assicuriamo che i Suoi dati saranno da noi trattati con assoluta riservatezza e non verranno divulgati. Le e-mail sono inviate individualmente ai singoli interessati, anche se trattate con l’ausilio di strumenti informatici per le spedizioni collettive. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una e-mail con oggetto “CANCELLAMI” all’indirizzo rdnews@radiodissident.org. Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione delle nostre informazioni.

06
Lug
08

Radio Dissident Newsletter #29

Radio Dissident Newsletter #29 – 6 luglio 2008
Dissidenze sonore, frattaglie rock ed altre perversioni
radiodissident.wordpress.com
www.myspace.com/radiodissident
www.jamendo.com/it/user/radiodissident
www.musicwebtown.com/radiodissident


EDITORIALE

Voi fate i piani – noi la storia

–Indymedia Italia

La notizia è di quelle che attendevamo da più di un anno. Venerdì scorso Indymedia Italia è tornata online. Il 4 luglio, IndYpendence Day, non è solo una data. E’ un simbolo. Nel 1054, per i cinesi, era l’esplosione della Supernova del Granchio. Nel 1865, per gli inglesi, era la pubblicazione di “Alice nel Paese delle Meraviglie”. Nel 1880, per i pistoiesi, era la nascita della scrittrice anarchica Leda Rafanelli. Ogni anno, per tutti, è l’afelio, il giorno in cui la Terra è alla sua massima distanza dal Sole. Per noi, nel 2008, significa il ritorno di un progetto collettivo e indipendente di informazione.
italy.indymedia.org
calabria.indymedia.org/article/2447

Ovviamente l’occasione non è sfuggita al solito, sparuto, gruppo di fascistelli per mettere in vetrina, ancora una volta, squallore ed imbecillità. Ben 52 firme, che paura! :D
www.firmiamo.it/controindymedia

…e ora le donne…

Da Palermo a Siracusa comincia a correre di bocca in bocca il nome di una giovane rapper lentinese. Si fa chiamare SistaHydra ed è un bellissimo fiore sbocciato nella Sicilia che resiste. Rap con venature reggae, testi impegnati ed importanti. Al CSOA Ex-Karcere di Palermo l’hanno praticamente adottata: dal 28 al 31 agosto parteciperà al campeggio NoInc di Bellolampo (PA) ed il 20 settembre aprirà il concerto degli Assalti Frontali. Molto presto sulle frequenze di Radio Dissident e live da qualche parte nella Sicilia Orientale. Addatela, ascoltatela, sostenetela e fatela suonare ovunque sia possibile!
www.myspace.com/hydraflyz
www.beepworld.it/members/sistahydra
www.youtube.com/watch?v=uBNjeyLJPlQ
www.myspace.com/exkarcere

Salutiamo con gioia l’apertura della pagina MySpace del fan club di Nostra Signora delle Tastiere, Alessandra Celletti. Non è stata una nostra iniziativa, ma proprio per questo potete immaginare la grande soddisfazione che stiamo provando da queste parti.
www.myspace.com/alessandracellettifanclub

…qualche vecchia conoscenza…

Nell’ambito dell’Artists Meeting 2008 Corpus, il collettivo Mad Noises e la Centrale dell’Arte presentano Corpi Anticorpi Ultracorpi: sogni di consapevolezza, repressione, desiderio. Installazioni, visual, performance, musica, parole di un viaggio onirico che attraversa la scoperta della fisicità, il rifiuto delle catene ideologiche, religiose e sociali e l’importanza dei sentimenti, degli ideali e della socialità come superamento delle barriere e delle limitazioni fisiologiche. Il 10 luglio alle 21:30 nel capannone delle ex officine delle ferrovie calabro lucane, Viale Mancini, Cosenza.
www.madnoises.com
www.lacentraledellarte.org
www.madnoises.com/download/volantino2.jpg

Dopo aver ultimato le registrazioni del loro secondo album negli studi californiani di Sylvia Massy, i Belladonna tornano ad esibirsi dal vivo in Italia. Nel tardo pomeriggio di oggi 6 luglio, la rock noir band romana sarà ospite sul palco del Metarock Festival al Giardino Scotto di Pisa, headliner i leggendari Siouxsie and the Banshees, mentre sabato 12 luglio saranno sul palco B dell’Evolution Festival (dove suoneranno tra gli altri In Flames e Opeth) all’Idroscalo di Milano.
www.myspace.com/wwwbelladonnatv

Non perdete d’occhio gli Strange Flowers che, dopo l’uscita di Aeroplanes In The Backyard, ora disponibile anche in vinile, saranno in tour ai primi di ottobre in Germania e ad aprile 2009 negli Stati Uniti (costa orientale). Prossima data italiana il 16 luglio allo Scandellara Rock Festival di Bologna.
www.strangeflowers.net
www.myspace.com/strangeflowers

Tornando alla Sicilia che resiste, continua il tour Che dio neghi anche l’acqua a chi non beve il vino dei ‘nkantu D’Aziz. Lunedì 7 luglio suoneranno a LUNAaSUD, Contrada Anguilla, Scoglitti (RG) e sabato 12 luglio saranno in concerto sulle rive del lago di Piana degli Albanesi. Possibilità di campeggiare senza alcun costo, sul posto sono disponibili tutti i servizi igienici e ristorativi… nonchè alcolici ;)
www.myspace.com/nkantudaziz

…e per finire…

Una doverosa segnalazione per la nuova stagione di concerti a I Giardini di Noto (Contrada Fiumara, Noto, SR). Il 17 luglio i Tetra Martire (indie-rock), il 20 My Little Brothers (rock-blues), il 24 gli Ska-ena (ska-reggae), il 27 i Seliquia (indie-rock), il 31 la nostra adorabile ed irriducibile Miss Violetta Beauregarde e l’8 agosto i Captain Quentin (post-punk). Ci torneremo sicuramente nei prossimi numeri con foto, reportage e quant’altro.
www.myspace.com/giardinidinotte
www.myspace.com/tetramartire
www.myspace.com/skaena
www.myspace.com/seliquia
www.myspace.com/missviolettabeauregarde
www.myspace.com/captainquentin

Nuovo set fotografico:

Folkabola @ Soleamaro – 05.07.08
mtms.wordpress.com/2008/07/05/folkabola-soleamaro
www.flickr.com/photos/mtms/sets/72157606001774678

E anche in questo caldissimo luglio… restate in ascolto :)


AGENDA

le band da seguire e i link utili
(in ordine rigorosamente alfabetico…)

radiodissident.wordpress.com/agenda

inviate foto, mp3, suggerimenti e segnalazioni a radiodissident@gmail.com


FRIENDS

Anzamà
Portale Sito Musicale
www.anzama.it

Balkan Rock
Ex-Yu Rock & Pop Culture
balkanrock.noblogs.org

Indymedia Italia
Independent Media Center
italy.indymedia.org

Kaparte
Alternative Arts & Music Promotions
www.kaparte.info

La Factory
Arte, teatro, musica e letteratura
www.myspace.com/lafactorysiracusa

Mad Noises
Collettivo espressivista
www.madnoises.com

mtms photoblog
musiche teatri movimenti strade
mtms.wordpress.com

Musica per Organi Caldi
Territori di musica indipendente
www.myspace.com/musicaxorganicaldi

Radiorock
Radiorock.to the original
www.radiorock.to

Salottino
Recordind Studio & Indie Label
www.myspace.com/salottinoprod

Soleamaro
Soleamaro Art Music
www.myspace.com/soleamaroartmusic

per scambio banner, link ed altre forme di collaborazione, le realtà affini e le radio sorelle non si facciano scrupolo di contattarci all’indirizzo e-mail radiodissident@gmail.com


CHI SIAMO

La “Radio Dissident Newsletter” è una e-zine gratuita, indipendente e senza scopo di lucro. Viene inviata gratuitamente a chi ne fa richiesta. Per riceverla o farla ricevere da amiche ed amici basta inviare una e-mail con oggetto “ISCRIVIMI” a rdnews@radiodissident.org.

Questa newsletter non ha collegamenti di alcun genere con gruppi editoriali, industriali, partiti, lobby, gruppi di pressione o organizzazioni di qualsivoglia altra natura. Puoi riprenderla su web, mail, volantini, giornali ecc., purché non a fini di lucro. Puoi forwardarla alle tue amiche ed ai tuoi amici. Se hai un sito o un blog puoi pubblicarci questa newsletter e i successivi aggiornamenti (non è obbligatorio, ma se lo fai e ce lo segnali, te ne saremo estremamente grati).

Per segnalare eventi, date di concerti, altre notizie riguardanti i temi trattati in questa newsletter o inviare recensioni e comunicati stampa, non ti fare scrupolo di scrivere a radiodissident@gmail.com.

Per liberarti di questa newsletter invia una e-mail con oggetto “CANCELLAMI” a rdnews@radiodissident.org.

E, in ultimo ma non meno importante, per ascoltare Radio Dissident, emittente indipendente che trasmette 24 ore su 24 in streaming attraverso la rete internet, inserisci nel tuo player preferito (windows media player, winamp, xmms, itunes o altro) uno di questi indirizzi:

http://radio.dyne.org:8000/dissident.mp3
http://live2.radiovague.com:8000/dissident.mp3
http://live3.radiovague.com:8000/dissident.mp3
http://stream.indivia.net:8000/dissident.ogg


DISCLAIMER LEGALE

Ai sensi dell’art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. Il Suo indirizzo si trova nella mailing list di radiodissident.org. Le abbiamo inviato fino ad oggi le segnalazioni riguardanti la sua attività. Le assicuriamo che i Suoi dati saranno da noi trattati con assoluta riservatezza e non verranno divulgati. Le e-mail sono inviate individualmente ai singoli interessati, anche se trattate con l’ausilio di strumenti informatici per le spedizioni collettive. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dalla nostra mailing list inviando una e-mail con oggetto “CANCELLAMI” all’indirizzo rdnews@radiodissident.org. Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione delle nostre informazioni.